Dot 41 Punto Medico | Piazza della Libertà, 41 - Alessandria
Seguici su:
Apnee del sonno e disturbi respiratori notturni

Sonnolenza di giorno? Russamento?

Attenzione! Un sonno disturbato può avere numerose ripercussioni

Se ti senti stanco al mattino, non riesci a svegliarti o ti addormenti facilmente durante le normali attività quotidiane, il tuo partner nota un sonno rumoroso o con movimenti agitati, potresti soffrire di apnee notturne che se associate ad obesità prende il nome di Sindrome della Apnee Notturne.
Questa patologia, apparentemente insignificante, può presentare anche complicazioni importanti come infarto cardiaco ed ictus.

Dr. Enio Mantellini
Dr. Enio Mantellini
Pneumologo, Allergologo

PUNTO SONNO

  • Polisonnografia
  • Visita Pneumologica
  • Visita di controllo dopo 90 giorni

richiedi info

Quali sono i segnali pericolosi?

  • Sonnolenza di giorno e sensazione di stanchezza al risveglio
  • Eventuali colpi di sonno alla guida o sul lavoro
  • Il partner dice che russate e alternate il russamento a periodi di silenzio
  • Risvegli con affanno e fame d’aria
  • Ipertensione

In tutti questi casi bisogna fare una polisonnografia o almeno un monitoraggio cardio respiratorio per verificare se ci sono apnee, quanto durano e di che tipo sono.

L’esame non è invasivo e consiste nel posizionare un registratore ed alcuni elettrodi al pomeriggio e tenere lo strumento fino al mattino: successivamente la registrazione viene letta dallo specialista che valuterà la situazione ed imposterà la terapia più idonea.
Presso Dot 41 Punto Medico è stato istituito il Punto Sonno dove il dott. Mantellini può rispondere ai vostri quesiti .
Con il servizio Punto Sonno l’esame viene eseguito, in piena comodità, presso il domicilio del paziente: nel pomeriggio presso il Punto Medico Dot 41 vengono applicati elettrodi e sensori al paziente e dopo la registrazione notturna, i risultati verranno letti e interpretati dallo specialista del sonno, il dott. Mantellini.
Lo strumento rileva numerosi parametri in particolare: il russare, l’ossigenazione del sangue, la frequenza cardiaca, i movimenti del corpo, il respiro.
Dopo aver eseguito la polisonnografia è necessario il colloquio con il medico specializzato, per valutare se sia necessario intraprendere delle terapie e quali siano le alternative disponibili.

La Polisonnografia in età pediatrica

I disturbi respiratori del sonno non colpiscono solo gli adulti ma anche i bambini di ogni età.
La prescrizione della Polisonnografia pediatrica dipende dai sintomi manifestati dal bambino e da segni clinici obiettivi. Solitamente è lo specialista Otorinolaringoiatra a prescrivere l’esame per poter valutare l’eventuale presenza di apnee notturne causate dall’ ingrossamento patologico degli adenoidi e delle tonsille (ipertrofia adeno-tonsillare).
In altri casi, può essere richiesto dal Neuropsichiatra Infantile per diagnosticare eventuali problemi di origine neurologica, come ad esempio, crisi epilettiche notturne, convulsioni sonno-correlate, disturbi del movimento della fase REM, sonnambulismo.